Abolire le prove INVALSI, per il diritto allo studio

Abolire le prove INVALSI, per il diritto allo studio

Il Coordinamento nazionale delle/dei Giovani Comuniste/i promuove da lunedì 18 marzo una campagna nazionale contro le prove INVALSI nelle scuole italiane. Ogni anno assistiamo alla somministrazione di questi test che hanno, come dichiara il ministero, l’obiettivo di verificare le competenze degli studenti in alcuni ambiti, valutandoli poi tramite punteggi e inserendoli in una graduatoria.

E’ una notizia degli ultimi giorni secondo cui i punteggi acquisiti nelle prove verranno inseriti nel curriculum dello studente.

Come studenti ed insegnanti contestiamo nel merito il sistema di valutazione di questi test, che passa dall’essere in capo agli insegnanti (che conoscono studenti e studentesse ed eventuali particolarità delle classi) all’essere gestiti da agenzie esterne che, oltre a non conoscere le specificità delle singole scuole, finiscono col costare molto alle casse dello Stato e propongono un sistema standardizzato per valutare percorsi individuali diversi tra loro.

Qui il collegamento diretto alla pagina della petizione

Infine, la distribuzione dei fondi europei del PNRR, finalizzati alla dispersione scolastica sono vanificati nell’obiettivo, in quanto in base al decreto del ministero numero 328 del 2022 vanno paradossalmente ad escludere proprio le scuole con punteggio inferiore, stabilito dalle prove INVALSI, rispetto a quelle con punteggio superiore, creando così scuole di serie A e scuole di serie B.

Lottiamo per l’abolizione dei test INVALSI, per una riqualificazione della scuola pubblica su un piano universale, senza discriminazioni alcune riferite a classificazioni standard che mortificano le vere capacità di apprendimenti delle studentesse e degli studenti, finalizzando il tutto ad un rapporto con il mondo delle imprese, del privato e del profitto.

La conoscenza deve essere libera, plurale e deve includere, non penalizzare ed escludere: soprattutto chi è meno preparato, chi ha più difficoltà che, spesso e volentieri, nascono da problemi di natura socio-economica.

Lottiamo per una vera scuola della Repubblica. Per una scuola a misura di studente e di insegnante, a misura di una conoscenza che arricchisca ciascuno e tutti e che sia la premessa per il pieno sviluppo dell’individuo e della società.

Scarica i nostri volantini e diffondili. Vienici a trovare presso la sede di via Garroni 61 R a Savona (Lavagnola) ogni GIOVEDI’ e SABATO dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Discutiamone insieme, lottiamo insieme.

GIOVANI COMUNISTE/I – SAVONA

18 marzo 2024