Respiri piano… di TPL

Le lavoratrici e i lavoratori di TPL continuano la lotta contro il Piano industriale presentato dall’azienda che prevede tagli chilometrici, quindi tagli al servizio ai cittadini, e il sub appalto di alcune linee, quindi lo spacchettamento del bacino con in se l’embrione di una privatizzazione del servizio.

Oltre al fatto che gli enti proprietari, a partire da Provincia e Comune di Savona, dovrebbero coinvolgere il sindacato nelle scelte e che il “Piano” è al vaglio dei comuni soci, suggeriamo alcune azioni che potrebbero essere utili e salvare il servizio pubblico.

In primo luogo pensiamo, poiché il referendum del 4 dicembre ha confermato le Province, che i parlamentari savonesi (i tre del M5S e i due del PD) si attivino per garantire anche la funzionalità, e quindi le risorse, dell’ente.

In secondo luogo crediamo, come avevamo scritto del nostro programma, che per aiutare il trasporto pubblico, la politica debba renderlo “competitivo” con quello privato. Tradotto al cittadino deve “convenire” prendere l’autobus. Pertanto avanziamo con forza l’idea di chiudere il centro cittadino al traffico che produrrebbe, vedi corso Italia, benefici anche al commercio.

Esistono poi scelte immediate. Una razionalizzazione delle linee può essere fatta ad esempio partendo dalle corse per gli studenti il sabato, visto che sono ormai anni che le scuole sono chiuse il sabato! Se proprio si deve tagliare iniziamo a tagliare quelle corse, anziché far pagare il biglietto allo zaino! Un’altra questione che ci risulta assai “curiosa”, e che pesa nell’economia di TPL, e che i mezzi dell’area del finalese sono “costretti” a fare rifornimento da un normale distributore, non avendo più un deposito. Assurdo. Crediamo, infine, che una riflessione andrebbe fatta sul noleggio dei mezzi. E’ utile? E’ redditizio?

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione. Come recitava il volantino di uno sciopero “TPL Linea è dei savonesi e tale deve rimanere”.

MARCO RAVERA
Consigliere comunale Rete a Sinistra – Savona che vorrei

27 gennaio 2017

foto tratta da Ivg.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *