Mondomarine. Ravera: “Buone notizie ma la vertenza non è chiusa”

Un altro importante tassello si aggiunge all’intricata vertenza dei cantieri navali Palumbo Superyachts. Il Comitato di Gestione dell’Autorità portuale ha finalmente concluso le procedure burocratiche ed ha comunicato formalmente alla società partenopea la concessione ventennale del sito industriale, dopo che la prima provvisoria concessione era stata oggetto di ricorso al TAR da parte di società concorrenti con conseguente necessità di ripetere l’iter burocratico.

La notizia di per sé è molto importante perché consente, se non altro, di avere una prima certezza sul futuro dei cantieri e dei lavoratori che ne fanno parte.

Da quell’agosto 2017, quando la Mondomarine si avviava verso il fallimento, il subentro dell’attuale società ha permesso al cantiere di sopravvivere e di salvare buona parte dei posti di lavoro. La concessione ventennale consente di poter progettare il futuro con molta più attenzione e, soprattutto, con importanti investimenti sia nella costruzione di nuove imbarcazioni, sia nella manutenzione/refitting degli yachts necessitanti. Importante sarà, quindi, la presentazione del prossimo piano industriale.

La soddisfazione per questo passo non deve però far dimenticare che la parola “fine” sulla vertenza non è ancora arrivata. Palumbo ha ottenuto la concessione del sito, ma dovrà ora acquisire dalla curatela l’azienda con le maestranze, e soprattutto confermare le promesse fatte nel 2018 per la riconferma di tutti i lavoratori e le lavoratrici presenti nel cantiere al momento della fallimento della precedente gestione.

Le prossime settimane saranno quindi ulteriormente importanti, sia per l’acquisto definitivo dell’azienda da parte di Palumbo, sia per la presentazione del piano industriale, sia infine per le trattative sindacali che dovrebbero condurre alla riassunzione di quella decina di lavoratori che – proprio per l’incertezza che gravava intorno al cantiere – dal primo gennaio di quest’anno non avevano ricevuto il rinnovo dei loro contratti. In questo senso, le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore unico Palumbo ai media locali fanno ben sperare. Le quantità di lavoro sono alte e le commissioni non mancano, le riassunzioni andrebbero quindi a garantire l’efficienza e la sostenibilità del lavoro.

Mancano ancora pochi metri al traguardo, e l’attenzione sui cantieri va tenuta alta, esattamente come ho provato a fare in questi anni. Nell’indifferenza di tutte le altre forze politiche, ho fin dall’inizio ascoltato le voci dei lavoratori e delle lavoratrici, le loro storie, sono stato con loro e i sindacati durante gli scioperi, l’occupazione dei cantieri e i presidi, ed ho portato più volte la questione in Consiglio comunale, ottenendo spesso voti unanimi sul da farsi da parte delle istituzioni.

Proprio per tutto questo, continuerò a seguire e supportare i lavoratori e le lavoratrici fino alla definitiva e necessaria conclusione di questa lunga vertenza.

MARCO RAVERA
Consigliere comunale “Rete a Sinistra – Savona che vorrei”
Candidato di “Sinistra per Savona”

15 settembre 2021