Press "Enter" to skip to content

La “fortezza” delle ragioni del NO al referendum

Le ragioni del NO al referendum del 20 e 21 settembre sono solide come una fortezza, come quella del Priamar a Savona. Dall’alto delle mura cinquecentesche del complesso difensivo (e offensivo), fatto costruire dalla Repubblica di Genova per controllare la costa fino a Noli, abbiamo simbolicamente organizzato quello che oggi si chiama “flash mob” o, per meglio dire, un “gesto simbolico”.

Unire la forza degli argomenti a sostegno del NO al taglio del Parlamento ad un luogo caro a tutti i savonesi, divenuto nel corso della Seconda guerra mondiale rifugio contro i bombardamenti e fatto rinascere come emblema di socialità, di festa e di aggregazione immediatamente dopo la fine del conflitto e nei decenni successivi.

Il tutto grazie allo spirito democratico di un mondo del lavoro che si era ritrovato a liberare il Priamar dalle macerie morali e materiali del conflitto causato dai fascisti e dai nazisti.

Per questo le ragioni del NO, che sentirete brevemente enunciare nel video sottostante, non potevano prescindere dal Priamar che è memoria storica della deportazione degli operai ad opera dei nazisti, del lungo lavoro di riconversione dell’Italia da regime dittatoriale a repubblica democratica e parlamentare.

Il Parlamento è ciò al centro della vita dello Stato italiano dal 1948: da quando la Costituzione è entrata pienamente in vigore. Il referendum voluto dal Movimento 5 Stelle, e sostenuto con poca voglia dalle altre forze di governo (e anche di opposizione), rischia di creare un inciampo non da poco nel cammino difficile, talvolta ombroso, della democrazia italiana.

Si tratta di difendere la qualità delle istituzioni, della Repubblica stessa. E questo proveremo a fare fino al 18 settembre, fino all’ultimo minuto di campagna referendaria.

Ringraziamo “La Nuova Savona“, Giovanna Servettaz, Mario Molinari, Mimmo Lombezzi e Jacopo Marchisio per il prezioso contributo che avete visto e per quello che vedrete a breve qui sotto:

 

RED.

2 settembre 2020

foto: Adriana Caviglia

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mission News Theme by Compete Themes.