In marcia per il clima

In vista della Conferenza delle Parti dell’ONU sui Cambiamenti Climatici, anche a Savona si svolgerà, come in molte città in Italia e del mondo, la marcia globale per il clima.

Domenica 29 novembre la federazione savonese di Rifondazione Comunista appoggerà e aderirà all’iniziativa, esattamente come a livello nazionale.

Ci uniremo, insieme a migliaia di cittadini, a tante associazioni e movimenti che da anni sono impegnati contro il cambiamento climatico e le politiche economiche e sociali che lo hanno prodotto, per protestare contro gli effetti di tali cambiamenti e per una radicale trasformazione del modello economico, energetico e di sviluppo.

L’importanza della 21° Conferenza delle Parti dell’ONU esige una presa di posizione, in quanto dal 30 novembre all’11 dicembre verrà siglato l’accordo globale sul clima traguardato al 2020 e che prenderà il posto del protocollo di Kyoto.

Nel nostro paese il decreto “Sblocca Italia” non fa altro che garantire ed agevolare le estrazioni petrolifere sul suolo e in mare, mega infrastrutture che hanno un impatto drammatico sul territorio e sull’ambiente come la politica dell’incenerimento, e delle privatizzazioni.

Il vertice climatico di Parigi rappresenta quindi l’occasione per fornire alla moltitudine di battaglie ambientali sui territori una cornice comune, utile a dare forza all’allarme, più volte reiterato, lanciato dalla comunità circa la necessità di ridurre del 70% le emissioni clima-alteranti entro il 2050. Diminuire le emissioni in maniera sensibile ed immediata tende infatti a cambiare modello energetico, smettere di cementificare, optare per reti di mobilità intelligente, risanare il territorio, cambiare modello di gestione delle risorse e dei servizi pubblici essenziali. In una parola, ripensare il sistema economico e sociale radicalmente e senza esitazioni.

Queste sono le sfide fondamentali che domenica vogliamo contribuire a portare in piazza, le lotte territoriali volte a contrastare le cosiddette “politiche di sviluppo” del Governo, per far fronte comune nella battaglia globale contro i cambiamenti climatici.

FABRIZIO FERRARO
Segretario provinciale Rifondazione Comunista – Savona

ALBERTO SGUERSO
Segreteria provinciale Rifondazione Comunista – responsabile ambiente

28 novembre 2015

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*