“Ma che colpa abbiamo noi”. Ecco la RifondaFesta 2018!

E’ già passato un altro anno e una nuova avventura è pronta a partire per la festa provinciale del Partito della Rifondazione Comunista, arrivata alla sua 26° edizione.

La RifondaFesta si svolgerà nei giardini di Zinola, teatro di una magia creata dalla presenza di uno spazio verde ricco di vegetazione a due passi dal mare.

Da domenica 5 a giovedì 16 agosto, daremo vita ad un altro importante appuntamento fatto di ottima cucina, musica e dibattiti politici e culturali.

TUTTO SULLA RIFONDAFESTA 2018

Il filosofo francese Laborit sosteneva che in tempi come questi la fuga è l’unico mezzo per mantenersi vivi e continuare a sognare.

Tempi difficili quelli in cui viviamo oggi, dove la crisi della istituzioni e della democrazia rappresentativa sta toccando livelli mai visti dalla fine della Seconda guerra mondiale.

In un’Italia che dopo il 4 marzo 2018 si è risvegliata con un forte vento di destra, peraltro soffiante in tutto il mondo occidentale, il nostro modo di resistere e di mantenerci vivi è quello di continuare le lotte per i più deboli sui nostri territori, dalla difesa del lavoro e dell’ambiente fino alla creazione di un sistema di accoglienza per i migranti che diventi una forza per il futuro di questo paese, ridotto in drammatiche condizioni dalla crisi economica e dalle élite sempre più ricche.

La RifondaFesta è l’unica festa politica e sociale a rimanere su piazza a Savona: una festa di un Partito che non si vuole arrendere, nonostante le innumerevoli difficoltà, alle (il)logiche del sistema capitalistico.

Certamente di errori ne sono stati commessi nel passato, anche da noi stessi, suscitando articolate analisi sulle colpe che ci siamo messi sullo nostre spalle.

Colpe che comunque hanno anche finalità differenti e che vengono fatte ricadere sugli sfruttati di turno, tanto da chiederci quali possibili peccati possano avere nelle svariate situazioni che ogni giorno la società e i media ci mostrano in tutta la loro crudezza.

“Ma che colpa abbiamo noi” è il tema che abbiamo scelto per questa edizione della RifondaFesta, perché sempre più abbiamo sentito il dovere di farci questa domanda in un mondo alla disperata ricerca di equilibrio sociale e politico.

Il sistema dominante occidentale, con la sua esasperante esaltazione dell’individualismo, cerca di trasmettere un senso di colpa, per l’appunto, e di frustrazione in tutte quelle persone che sono vittime delle ingiustizie sociali: sia che si tratti di lavoratori e lavoratrici, migranti e persone sfortunate, oppure prendendo, di mira i grandi movimenti culturali che proprio 50 anni fa, nel 1968, raggiungevano il loro apice nel tentativo non sempre andato vano di cambiare il mondo.

Capire le nostre colpe, diventandone consapevoli, per ripartire con più coraggio e maggiore determinazione.

Questo è l’obiettivo di Rifondazione Comunista: una comunità che si schiera sempre al fianco dei più deboli e di tutti coloro che lottano per una società capovolta, alternativa rispetto a quella di oggi.

Una comunità, non solo savonese, che in pochi mesi ha perso il supporto di grandi compagni e amici come Dante Taccani, Pierluigi Zuccolo e Armando Codino, ai quali dedichiamo la RifondaFesta 2018.

Così come la dedichiamo a tutte e tutti quelli che muoiono sul posto di lavoro o per mano di un trafficante di migranti, o ancora che vengono presi di mira per le loro idee.

Per continuare a domandarci quali colpe abbiamo e ricominciare con serena e calma pazienza, come sosteneva Antonio Gramsci: “Mi sono convinto che anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente  all’opera, ricominciando dall’inizio.“.

Vi aspettiamo, dunque, a Zinola dal 5 al 16 agosto per lasciare in tutti voi una rinnovata voglia di contribuire a cambiare questo mondo partendo dalla nostra diversità.

Buona RifondaFesta!

FABRIZIO FERRARO
Segretario provinciale Rifondazione Comunista – Savona

MARCO RAVERA
Segretario regionale Rifondazione Comunista – Liguria

9 luglio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *