Una maratona salutare?

COMUNE DI SAVONA

INTERPELLANZA

sulla manifestazione sportiva “Liguria Marathon” in programma il 22 aprile 2018 a Savona

Richiedenti: D.Pongiglione (“Noi per Savona”), M. Ravera (Rete a Sinistra- Savona che vorrei)

PREMESSO CHE

  • la pratica sportiva è elemento fondamentale nella crescita psico – fisica delle persone,

  • la gara della Maratona è una delle più interessanti e affascinanti dell’Atletica,

  • la “Liguria Marathon” del 22 aprile viene presentata come “la prima vera e unica Maratona sul mare”, dal “percorso senza precedenti nel panorama regionale”;

CONSIDERATO CHE

  • dal calendario di Costa Crociere, pubblicato dall’Autorità di sistema, risulta che proprio il 22 aprile in porto a Savona ci saranno ben 4 (quattro) navi;

TENUTO CONTO CHE

  • da molti anni i Cittadini savonesi denunciano inascoltati il grave disagio dovuto al forte l’inquinamento prodotto dalle navi in porto;

  • il giorno 11 dicembre è stato trasmesso nella trasmissione “Indovina chi viene dopo cena” (Rai 3) un lungo servizio sull’inquinamento legato alle navi, inquinamento che colpisce sia i viaggiatori e i marittimi che si trovano sulle navi stesse, sia gli abitanti delle zone portuali o limitrofe ai porti;

  • nel servizio sono stati resi noti i rilevamenti effettuati nel porto di Savona da parte dell’ingegnere e chimico ambientale Axel Friedrich, già capo Dipartimento per il traffico dell’Agenzia federale tedesca per l’ambiente;

  • i dati riscontrati sono sconcertanti, perché documentano (da parte di un Ente terzo!) presenza di inquinanti quasi 10 volte superiore a quelli normalmente misurati in condizioni analoghe. Ad esempio in un giardino ci si aspettano valori di 2-3 mila particelle per centimetro cubo, nel centro di Berlino i valori medi sono 7-8 mila particelle per centimetro cubo. A Savona erano 20-30 mila a una certa distanza dalla nave e in condizioni ottimali, mentre durante le fasi di manovra, in partenza e in arrivo, sui ponti della nave hanno misurato quasi 120 mila particelle per centimetro cubo;

  • l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che non esistono valori di particolato che siano sicuri per la salute umana;

PRESO ATTO CHE

  • i dati di cui sopra, che non hanno sollevato sconcerto da parte dei responsabili della salute pubblica, né hanno trovato spazio sulla stampa locale, erano stati rilevati alla presenza di una sola nave da crociera in porto;

DATO CHE

  • le emissioni di particolato fine e ultrafine non vengono misurate (e quindi non risultano alle indagini parziali), ma sono particolarmente e irreversibilmente pericolose, come da anni affermato da prestigiosi studi di settore (l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato il carattere cancerogeno degli scarichi navali e le emissioni, che danneggiano cervello cuore e polmoni, vengono trasportate nell’entroterra per chilometri);

  • una nave da crociera, durante la sosta in porto, brucia oltre 30 tonnellate di carburante (e quale carburante?), inquinando più di 12 mila auto che tengano il motore diesel sempre acceso;

SI INTERPELLANO IL SINDACO E LA GIUNTA

  • per sapere se non si ritenga opportuno spostare la data della manifestazione, (o almeno il percorso) per evitare agli atleti che correranno la Maratona un impatto così pericoloso con l’aria di Savona: 4 navi insieme proprio lungo il percorso e all’arrivo della gara in via Paleocapa.

Grazie.

Distinti saluti

DANIELA PONGIGLIONE
Consigliera comunale di “Noi per Savona”

MARCO RAVERA
Consigliere comunale di “Rete a Sinistra – Noi per Savona”

26 gennaio 2018

foto tratta da Ivg.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *