Nella cacca… non dei cani: le privatizzazioni avanzano a Savona…

Anche nelle scorse settimane, quando tutta la città parlava delle “cacche dei cani” e poi dei “sacchetti”, abbiamo lanciato l’allarme sulle privatizzazioni nella nostra provincia parlando esplicitamente del servizio di cremazione, di ATA e ovviamente di TPL. Fummo i primi a portare nelle istituzioni il tema del trasporto pubblico locale, mentre Fratelli d’Italia e Lega inneggiavano ai vigilantes sui pullman e alle pistole da dare agli autisti… proprio consci del problema…

Oggi, purtroppo, i nodi stanno venendo al pettine. Siamo di fronte a scelte politiche mascherate da scelte tecniche.

Condivido il pensiero, tra gli altri, di Claudio Schivo della Filt-CGIL che ha affermato: “In tutta la Regione, Savona è la sola provincia che percorre la strada della gara. Si tratta di una volontà della politica locale, che intende scaricare ad altri la patata bollente della gestione, riservandosi un ruolo di supervisione. Ma in questo modo si abdica al ruolo che le istituzioni dovrebbero avere per un servizio pubblico che potrebbe rappresentare anche un valore turistico per il territorio della nostra provincia. Non siamo d’accordo e metteremo in atto tutte le iniziative sindacali possibili contro questa scelta. Avvieremo le procedure di raffreddamento previste dalla legge, poi vedremo se arrivare o meno al sciopero”.

Una volta di più saremo al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici di TPL.

MARCO RAVERA
Consigliere comunale di Rete a Sinistra – Savona che vorrei

5 gennaio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *