Era un “autista” con la semiautomatica…

Nella Commissione consiliare che ha analizzato la situazione del trasporto pubblico savonese, quindi dell’azienda TPL, sono emerse molte domande e tracciate altrettante soluzioni per salvare un servizio pubblico che rischia da tempo di essere ridimensionato tanto nell’organico quanto nell’offerta.
Il nostro consigliere comunale Marco Ravera – che ha sempre partecipato agli scioperi delle lavoratrici e dei lavoratori di TPL – è intervenuto, come riporta oggi anche la stampa locale, affermando: “Il servizio pubblico deve essere conservato tale in tutti i suoi aspetti, per salvaguardare gli utenti e i lavoratori.  Uno “spacchettamento” del chilometraggio rischia di avere effetti gravi sul futuro, quando l’azienda, nel 2018, dovrà presentarsi alla gara aperta anche ai privati.”.
Poi in serata, dopo aver assistito in commissione consiliare ad un balletto securitario delle forze del centrodestra, più preoccupato di armare la mano degli autisti o di mettere su ogni autobus un agente, ovviamente sempre armato, per disincentivare i malviventi, ha scritto un commento sulla sua pagina Facebook, citando una bellissima canzone de “I Mercanti di Liquore”: “La semiautomatica”. A voi lettrici e lettori lasciamo le poche righe di sberleffo ironico delle tante paure delle destre e delle poche altrettante certezze della maggioranza che regge Palazzo Sisto.

(RED.)

Misteri della politica savonese. Pensavo che i problemi di TPL e del trasporto pubblico fossero il piano industriale che prevede tagli al servizio ed esternalizzazione delle linee o il bando di gara che deve ancora essere redatto oppure l’assenza di Provincia e Comune sul tema. Mi sbagliavo.
Oggi ho imparato che il problema di TPL e del trasporto pubblico è la sicurezza, che si affronta mettendo sugli autobus guardie private e dotando gli autisti di una pistola.
Non ho nemmeno la forza di commentare… fatelo voi. Io mi ascolto i Mercanti di Liquore.

MARCO RAVERA
Consigliere comunale Rete a Sinistra – Savona che vorrei

23 febbraio 2017

foto tratta da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *