Ravera: “Dopo i poveri, il Comune colpisce la cultura”

Dopo i tagli servizi sociali e i sacrifici imposti alle classi meno abbienti, il Comune di Savona sta per colpire il mondo della cultura. Se le nuove disposizioni per la biblioteca non fossero bastate come “campanello di allarme” (riduzione di orari di apertura e di servizio al pubblico) la Giunta guidata da Ilaria Caprioglio, che possiede anche le deleghe alla cultura, ha annunciato che chiuderà il Museo archeologico del Priamar. Il motivo? Il solito bilancio.
Penso dovremmo sfatare il mito che “i soldi non ci sono”.
I soldi ci sono e vanno presi a chi li ha (non certo alla famiglie sotto i 15mila euro all’anno che non avranno più nemmeno l’esenzione IRPEF). Quindi perché non rilanciare con forza la tassa di soggiorno (o altra tassa di scopo) per finanziare la cultura e il turismo?

MARCO RAVERA
capogruppo Rete a Sinistra – Savona che vorrei

29 ottobre 2016

foto tratta da Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *