Con i lavoratori della Bombardier, perché la crisi non è affatto passata…

In questi anni ci siamo sentiti spesso dire che il peggio della crisi economica era già alle spalle e che l’Italia sarebbe presto ripartita. Niente di più falso. Gli strascichi della crisi globale, creata da speculazioni finanziarie, si riversano sull’economia reale e sulla vita di tante persone che lavorano duramente per poter vivere dignitosamente. Senza cadere nell’analisi dei massimi sistemi, è sufficiente osservare la situazione della Provincia di Savona per capire come la tanto paventata fine della recessione sia ancora lontana dalla realtà.
In tal proposito la situazione dello stabilimento di Bombardier a Vado Ligure segna una ulteriore svolta drammatica della crisi profonda che vive la nostra provincia, e la notizia della perdita da parte dell’azienda canadese della maxi commessa riguardante la produzione del treno a trazione distribuita agita nuovamente gli spettri sul ruolo del sito industriale, ormai nel mirino dei dirigenti d’oltre oceano. Non è in gioco solamente uno degli ultimi siti industriali nella nostra provincia; ci sono centinaia di posti di lavoro che vanno tutelati, e che le amministrazioni locali e provinciale devono difendere affrontando con urgenza la tematica con il governo nazionale perché si attivi nel rilancio del sito in questione.
Martedì mattina i lavoratori della Bombardier partiranno in corteo ed effettueranno una manifestazione verso Savona. Occorrono necessariamente delle politiche industriali, compatibili con l’ambiente che ci sta intorno e con la salute dei cittadini, ma che tuteli i posti di lavoro che ancora ci sono nel nostro territorio. Rete a Sinistra – Savona che vorrei esprime naturalmente la propria vicinanza e solidarietà ai lavoratori manifestanti, e sarà al loro fianco affinché vengano tutelate le loro esigenze e le loro aspettative.

MARCO RAVERA
candidato Sindaco “Rete a sinistra – Savona che vorrei

30 maggio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *